Vendere negli Emirati Arabi Uniti con il digital export

Gli Emirati Arabi Uniti hanno una popolazione fondamentalmente giovane e connessa. Si stima che oltre il 99% dei cittadini del Paese siano utenti attivi di Internet, con un rapporto di oltre 2 linee mobili attive per abitante. 

Creato il 3 luglio 2024
Aggiornato il 8 luglio 2024

Gli Emirati Arabi Uniti hanno una popolazione fondamentalmente giovane e connessa. Si stima che oltre il 99% dei cittadini del Paese siano utenti attivi di Internet, con un rapporto di oltre 2 linee mobili attive per abitante. 

Questo fatto colloca lo smartphone come principale strumento per navigare e fare acquisti online e ha consentito una massiccia diffusione e adozione dei principali social network nel Paese.

L'importanza del mercato digitale e comportamento d'acquisto negli Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti sono stati classificati come uno dei luoghi più costosi al mondo per l'accesso a Internet, sebbene godano della velocità di download più elevata della regione. Inoltre, il paese è tra i primi nella classifica di penetrazione della fibra ottica in ambito domestico secondo l'indice FTTH (Fibre to the Home). Il pacchetto medio di banda larga costa circa 577 dirham (157 dollari), rendendolo il 28esimo più costoso al mondo. La velocità di connessione è stabile, raggiungendo una velocità media di download di 186,76 Mbps in banda larga fissa e 139,41 Mbps in connessione mobile.

La pandemia generata dal COVID-19 ha contribuito anche all’incremento delle transazioni nel canale online, accelerando l’adozione delle modalità di pagamento digitali. Tuttavia, i contanti continuano a dominare i pagamenti nel Paese, dove il 40% degli utenti continua a preferire questo metodo di pagamento.

Parallelamente all'aumento delle transazioni e-commerce effettuate a livello locale, il commercio elettronico transfrontaliero continua a crescere costantemente dal 2020. Nell'ultimo rapporto pubblicato da PayPal oltre il 60% degli acquirenti degli Emirati Arabi Uniti ha effettuato acquisti transfrontalieri, con un aumento del 33% rispetto al 2016. Inoltre, il 12% di questi acquirenti ha indicato di aver effettuato esclusivamente acquisti in altri paesi. In totale, nel 2023 il commercio elettronico transfrontaliero ha generato circa 6,7 miliardi di euro, rispetto ai 5,3 miliardi di euro generati nel 2022, con una crescita del 78,88%. 

I settori principali dell'e-commerce negli Emirati

Per quanto riguarda le ragioni dei consumatori che spingono ad importare prodotti da altri paesi, il prezzo rimane il fattore fondamentale, seguito dalla non disponibilità del prodotto nel paese e dalla maggiore ampiezza delle categorie di ciascun prodotto disponibile sul mercato internazionale. Analizzando i mercati elettronici degli Emirati Arabi Uniti da un punto di vista settoriale i 7 principali settori sono:

  • L'elettronica rappresenta il 33,8% dei ricavi dell'e-commerce
  • Moda 30,8%
  • Cibo 13,8%
  • Hobby e tempo libero 9,3%
  • Prodotti per la cura 4,2%
  • Fai da te 4,1%
  • Mobili e articoli per la casa con il 4,0%

Nonostante la crescita significativa che l’e-commerce B2C ha avuto negli Emirati Arabi Uniti negli ultimi anni, l’e-commerce Business to Business continua a occupare una proporzione residua tra i diversi modelli di business. Tuttavia, le aziende B2B stanno seguendo la strada intrapresa dai rivenditori, consistente nell’aumentare la propria presenza nel canale elettronico e offrendo l'intera gamma di prodotti disponibili attraverso diverse piattaforme digitali.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno un enorme potenziale di sviluppo per il loro mercato B2B, grazie alla solida infrastruttura costruita nel paese negli ultimi anni e agli sforzi del governo per migliorare la comunicazione tra le aziende del paese, un requisito fondamentale per l'istituzione di un modello di e-government. Prova di questa capacità è l’accordo raggiunto dalla Camera di Commercio di Dubai per la creazione di Mega Sourcing 2020, una piattaforma che funge da soluzione unica per connettere acquirenti e fornitori preselezionati in cinque settori chiave: materiali da costruzione, elettronica di consumo, macchinari pesanti, moda/gadget e ricambi auto.

Le principali directory e piattaforme B2B

Le principali Directory e piattaforme B2B negli Emirati Arabi Uniti sono:

L'e-commerce O2O (online-to-offline) è un modello di business recente in cui i rivenditori utilizzano strategie di vendita sia nel negozio fisico che nel negozio digitale, cercando di attirare nuovi clienti nel canale online per attirarli e completare la loro acquisto nel negozio fisico. L’obiettivo di questo modello è integrare il canale online, il canale offline, la logistica e i dati attraverso un’unica catena del valore. I rivenditori ottimizzano l'esperienza di acquisto dei clienti durante il loro percorso di acquisto, offrendo tutte le informazioni disponibili sul marchio e sui prodotti in formato digitale, consentendo loro di prendere decisioni più intelligenti e rapide sui prodotti che acquisteranno.

L'importanza del costo di spedizione negli acquisti transfrontalieri

Anche il prezzo della spedizione gioca un ruolo fondamentale come fattore decisivo di acquisto quando si effettuano acquisti internazionali e, a volte, è un fattore determinante nella decisione su quale paese acquistare.

Pertanto, gli Stati Uniti rimangono il paese più popolare per gli acquisti transfrontalieri, con il 22% degli acquirenti online, seguiti da India (16%) e Cina (15%). Inoltre, diverse multinazionali come Amazon stanno facendo investimenti significativi per promuovere il commercio transfrontaliero localizzando i loro principali centri operativi negli Emirati Arabi Uniti e lanciando la loro esperienza di acquisto internazionale in modo che i clienti in Bahrein, Kuwait e Oman possano navigare e acquistare articoli spediti dal Emirati Arabi Uniti.

Allo stesso modo, il paese ha incoraggiato la creazione di piattaforme di e-commerce locali come Namshi, Sivvi, Ounass e Noon, la principale piattaforma multimarca del paese.

L'impatto delle infrastrutture logistiche sull'e-commerce

Nel mondo del commercio elettronico, la logistica e la gestione della catena di approvvigionamento assumono un ruolo centrale. L'obiettivo primario è quello di garantire consegne rapide ed efficienti, soddisfacendo le aspettative dei consumatori che desiderano ricevere i loro prodotti nel più breve tempo possibile.

In questo scenario dinamico, la catena di fornitura deve dimostrare flessibilità e capacità di adattamento, rispondendo prontamente alle richieste in continua evoluzione dei clienti. Esempi lampanti sono l'esigenza locale di evasione ordini più rapida, con opzioni di consegna come il "giorno successivo" o addirittura la consegna in 2 ore nello stesso giorno. Inoltre, non va sottovalutata la gestione dei resi, aspetto fondamentale per il quale i rivenditori e-commerce devono implementare efficaci sistemi di "logistica inversa".

Per garantire un servizio di consegna affidabile e tempestivo alcuni rivenditori di e-commerce scelgono di investire nell'integrazione verticale, acquisendo fornitori di servizi logistici innovativi e tecnologicamente avanzati o sviluppando internamente una rete di consegna dedicata. Accanto a questo modello sta guadagnando popolarità il "drop-shipping". In questo schema, il rivenditore non stocca le merci nel proprio magazzino, ma inoltra direttamente al produttore o grossista gli ordini dei clienti e i dettagli di spedizione. Il produttore/grossista si occupa quindi della spedizione diretta al cliente finale.

Questo approccio elimina la necessità per il rivenditore di e-commerce di detenere fisicamente l'inventario all'interno del paese. I prodotti possono essere stoccati in hub locali (come magazzini in zone franche) o nel paese di produzione e, al momento dell'ordine, l'articolo viene spedito dall'hub direttamente al cliente.

Il ruolo di Dubai CommerCity nell'espansione del commercio elettronico

Gli Emirati Arabi Uniti si posizionano come un hub strategico per il commercio elettronico, grazie all'avanzata infrastruttura logistica offerta dal porto di Jebel Ali e dall'Aeroporto Internazionale di Dubai (il sesto aeroporto cargo più trafficato al mondo). In questo senso è sorta Dubai CommerCity (DCC), la prima freezone dedicata alla promozione della posizione di Dubai come hub per l'e-commerce internazionale. DCC offre un ecosistema completo che supporta aziende locali e internazionali nella creazione e gestione delle loro attività di e-commerce nella regione MENA (Medio Oriente e Nord Africa).

Per informazioni

digitexport@promositalia.camcom.it

 

Promos Italia S.c.r.l.

Agenzia italiana per l'internazionalizzazione
Sede legale: Via Meravigli, 9/b - 20123 Milano (MI)
PEC: promositaliascrl@legalmail.it
Codice Fiscale, Partita IVA: 10322390963