Canada: il mercato online e le opportunità per il digital export

Il Canada è tra i Paesi più ricchi al mondo dove il mercato dell’e-commerce  è cresciuto costantemente negli ultimi cinque anni

 

5 dicembre 2023

Il Canada è tra i Paesi più ricchi al mondo dove il mercato dell’e-commerce  è cresciuto costantemente negli ultimi cinque anni

 

Il Canada si posiziona oggi tra le nazioni più ricche del mondo, caratterizzato da una popolazione ben informata, culturalmente raffinata, che mostra una certa familiarità con i prodotti europei, che ha imparato a conoscere attraverso i viaggi, l'esperienza universitaria, i media e il modo in cui le culture straniere sono ben integrate in Canada.

Panoramica del commercio elettronico in Canada

Il commercio elettronico (e-commerce) in Canada è in forte crescita. Nel 2022, c'erano oltre 27 milioni di utenti di e-commerce in Canada, pari al 75% della popolazione canadese. Si prevede che questo numero aumenterà fino al 77,6% nel 2025.

L'aumento degli acquirenti online significa che le vendite al dettaglio di e-commerce in Canada continuano a crescere. Secondo Statistics Canada, le vendite del commercio al dettaglio di e-commerce in Canada hanno raggiunto il massimo storico di 3,82 miliardi di dollari nel dicembre 2020, superando l'aumento registrato a maggio 2020 (3,2 miliardi di dollari) a causa delle misure di blocco della pandemia di coronavirus. Nel marzo 2022, le vendite e-commerce ammontavano a circa 2,34 miliardi di dollari. Si stima che le vendite al dettaglio di e-commerce ammonteranno a 40,3 miliardi di dollari entro il 2025.

Le categorie merceologiche più popolari per l'e-commerce in Canada sono l'elettronica, la moda e l'arredamento. Il 59% degli acquirenti canadesi utilizza carte di credito quando effettua acquisti online e un ulteriore 20% utilizza PayPal. I portafogli digitali sono in costante aumento e si stima che rappresenteranno il 27% dei pagamenti online entro il 2025.

I prodotti che i canadesi acquistano dai commercianti con sede negli Stati Uniti sono abbigliamento e accessori, seguiti da libri, musica e video; elettronica di consumo; giocattoli, hobby e giochi; prodotti per la salute e la bellezza; calzature; gioielleria; beni familiari; articoli sportivi, articoli per il bricolage e da giardino e generi alimentari.

Da un punto di vista B2B, praticamente tutti i proprietari di piccole imprese canadesi riferiscono di effettuare acquisti online. Un gran numero di imprenditori scelgono di organizzare e acquistare i propri viaggi online ed è più probabile che accedano a servizi o forniture per ufficio online.

L'infrastruttura di e-commerce canadese è altamente sviluppata e strettamente integrata con quella degli Stati Uniti. L'accesso a Internet a banda larga è offerto in tutto il Canada utilizzando in gran parte le stesse apparecchiature degli Stati Uniti. Le aziende statunitensi non hanno bisogno di creare un sito web separato. Molte aziende statunitensi hanno integrato le transazioni canadesi nei loro attuali siti web. Altri mantengono un dominio ".ca" distinto.

Le aziende statunitensi che vendono ad aziende e consumatori canadesi tramite Internet dovrebbero disporre di procedure per soddisfare i requisiti doganali canadesi e stabilire i prezzi in dollari canadesi.

In Canada si parlano più di 200 lingue. L'inglese e il francese sono le lingue ufficiali. Questa dualità linguistica può rappresentare un ostacolo per i rivenditori, che a volte necessitano di assistenza clienti e siti multilingue per avere successo.

A causa dell'aumento dell'accessibilità ai social media, c'è una crescente enfasi sull'importanza di una buona esperienza di servizio al cliente.

Le tipologie di imprese che probabilmente utilizzeranno l'e-commerce come strumento sono i grossisti (29,8%), le industrie dell'informazione e della cultura (27,1%) e la finanza e le assicurazioni (25,1%).

Acquisti online e comportamento dei consumatori 

Comportamento del consumatore canadese

Il comportamento dei consumatori canadesi è in continua evoluzione, influenzato da una serie di fattori, tra cui l'accesso a Internet, il panorama economico, la preferenza per le imprese locali e la personalizzazione.

Accesso a Internet

Circa il 94% dei canadesi ha accesso a un servizio Internet stabile, ma gli utenti vivono principalmente nelle aree più urbane del paese. L'accesso a Internet fornisce un collegamento fondamentale con il resto del mondo per i residenti nelle comunità remote del Canada settentrionale, ma fornire servizi ad alta velocità rimane costoso e difficile.

Panorama economico

Il prezzo è un fattore influente nel comportamento dei consumatori e l'aumento dell'inflazione o la recessione economica possono comportare un'attività molto inferiore nel commercio elettronico poiché gran parte dell'attività è definita dalla categoria del consumatore discrezionale. Inoltre, i dati mostrano che acquisire nuovi clienti è generalmente percepito come molto meno redditizio che mantenere clienti fedeli online.

Preferenza per le imprese locali

Nel 2020, è emerso che i consumatori canadesi, rispetto ad altri paesi, erano più propensi a sostenere le imprese locali (68%), online o offline, per rafforzare le proprie economie locali. Questo dovrebbe essere qualcosa da considerare quando si considera l'esportazione di prodotti in Canada.

Personalizzazione

Un nuovo comportamento di consumo che ha visto più attività negli ultimi anni è la personalizzazione. Un cliente canadese su cinque è disposto a spendere il 20% in più per un prodotto per renderlo personalizzato, anche se il 42% di queste persone desidera che la personalizzazione sia guidata dall'azienda.

Acquisti mobili

A gennaio 2022, il 55% dei canadesi ha effettuato acquisti al dettaglio online con i propri dispositivi mobili e questa tendenza è in crescita. I consumatori più giovani guidano la tendenza, con il 47% di questi acquirenti che acquista tramite dispositivi digitali almeno una volta alla settimana.

Tendenze del mercato eCommerce canadese

Il mercato eCommerce canadese somiglia molto a quello degli Stati Uniti e condivide quindi numerose tendenze, tra cui:

  • Acquisti ibridi/“Click and Collect”: i cosiddetti consumatori “omnichannel” ordinano beni online e li ritirano in un negozio fisico.
  • Marketing attraverso i social media: il ritorno sull'investimento per l'utilizzo dei social media è in costante miglioramento; i rivenditori spendono sempre più denaro in marketing in annunci sui social media.
  • Sicurezza informatica: la frode è una preoccupazione crescente per i rivenditori canadesi. Gli strumenti che aiutano le aziende a individuare e scoraggiare i criminali informatici stanno diventando sempre più facilmente disponibili e convenienti, con l'integrazione spesso integrata nella pianificazione strategica di un'azienda.
  • Migrazione ai pagamenti mobili: la migrazione ai pagamenti mobili “mPOS (mobile Point-Of-Sale)” continua ad aumentare in Canada utilizzando tecnologie come Apple Pay, Android Pay e Google Pay.

Acquisti da siti stranieri

Sebbene i canadesi preferiscano sostenere il business online canadese, una parte considerevole della spesa nazionale per l'e-commerce va a siti web non canadesi. Vari rapporti affermano che quasi la metà degli acquisti online dei consumatori canadesi vengono effettuati presso siti di vendita al dettaglio stranieri. Il Canada ha molte piccole e medie imprese (PMI), ma le aziende hanno tardato ad entrare nel settore dell’e-commerce. I canadesi citano i prezzi più bassi e una migliore selezione come alcuni dei motivi per fare acquisti fuori dal paese.

Opportunità per i rivenditori stranieri

A causa della forte economia del Canada e della vicinanza agli Stati Uniti, i rivenditori aspirano a sfruttare il crescente mercato dell'e-commerce in Canada. Per i rivenditori statunitensi che vendono oltre confine per la prima volta, il Canada offre una facile opportunità transfrontaliera con tasse, commissioni e sicurezza della spedizione simili. Sono stati creati anche siti web di istruzioni, come CrossBorderShopping.ca, al solo scopo di aiutare i consumatori canadesi attraverso il processo, fornendo strumenti di confronto dei prezzi e delineando aree come politiche di restituzione, tasse e restrizioni.

I marketplace più utilizzati in Canada

In base ai dati del 2023, i quattro principali marketplace online in Canada sono:

  • Amazon Canada

Amazon Canada è il leader indiscusso del mercato, con oltre 160 milioni di visitatori mensili e un fatturato di 8,3 miliardi di dollari nel 2021. L'azienda offre una vasta gamma di prodotti, tra cui elettronica, abbigliamento, casalinghi, libri e molto altro.

  • Walmart Canada

Walmart Canada è un altro colosso dell'e-commerce, con oltre 33 milioni di visitatori mensili e un fatturato di 4,3 miliardi di dollari nel 2021. L'azienda offre una vasta gamma di prodotti a prezzi competitivi.

  • Kijiji

Kijiji è un sito di annunci online che consente agli utenti di acquistare e vendere una vasta gamma di articoli, tra cui mobili, auto, elettronica e molto altro. Il sito ha oltre 20 milioni di visitatori mensili. 

  • eBay Canada

eBay Canada è un altro sito di aste online che consente agli utenti di acquistare e vendere una vasta gamma di articoli. Il sito ha oltre 28 milioni di visitatori mensili.

Oltre a questi noti giganti mondiali, in Canada spiccano altri marketplace come:

  • Bonanza, che offre più di 10 milioni di articoli, non prevede commissioni per creare il catalogo dei prodotti né commissioni mensili per il negozio online.
  • Etsy, il marketplace dedicato al vintage e all’artigianato, disponibile in ben 17 Paesi dove raggiunge circa 30 milioni di consumatori all’anno.
  • Newegg, un marketplace specializzato in prodotti di elettronica che vende in 50 Paesi.

 

Accordo CETA tra UE e Canada

A partire da settembre 2017, è entrato in vigore il CETA (Comprehensive Economic and Trade Agreement), un accordo commerciale di libero scambio tra Unione europea e Canada che mira a incrementare il commercio e a supportare la crescita e l'occupazione. 

Questo accordo consente di eliminare circa il 98% dei dazi sulle importazioni di prodotti originari dell’Unione europea o del Canada. Vengono semplificate e rese meno onerose le importazioni e le esportazioni con una semplice dichiarazione da aggiungere alla fattura commerciale. 
Per mezzo di questo accordo, le aziende dell'Unione europea e del Canada possono lavorare insieme più facilmente, in quanto i certificati di conformità e molte qualifiche professionali vengono riconosciute in entrambi i Paesi.

Fonte: Canada - Country Commercial Guide

Promos Italia S.c.r.l.

Agenzia italiana per l'internazionalizzazione
Sede legale: Via Meravigli, 9/b - 20123 Milano (MI)
PEC: promositaliascrl@legalmail.it
Codice Fiscale, Partita IVA: 10322390963