Google completa il passaggio all'Indicizzazione Mobile-First: Cosa significa per la SEO?

Dopo anni di rodaggio, Google ha finalmente completato la transizione all'indicizzazione mobile-first. Ciò significa che Google da ora in poi darà priorità alle versioni mobile durante la scansione delle pagine e l'indicizzazione dei contenuti.

14 novembre 2023

Dopo anni di rodaggio, Google ha finalmente completato la transizione all'indicizzazione mobile-first. Ciò significa che Google da ora in poi darà priorità alle versioni mobile durante la scansione delle pagine e l'indicizzazione dei contenuti.

Il crescente Focus sui Dispositivi Mobili

Questo cambiamento riflette l'aumento dell'attenzione di Google nei confronti dei dispositivi mobili, iniziata nel 2015. 

In quel periodo, Google scelse di aggiornare il suo algoritmo di ricerca per favorire i siti "mobile-friendly", conscio di quanto il traffico mobile avrebbe impattato su tutti i tipi di business a livello globale.

L'anno seguente, Big G fa iniziare il processo di indicizzazione mobile-first, dando precedenza alle pagine mobile piuttosto che quelle desktop.

L'annuncio di Google

Google ha voluto celebrare questo importante passaggio con un annuncio il 31 ottobre 2023:

Negli anni, il traffico web mobile è continuato a crescere; in alcune regioni, le persone usano quasi esclusivamente il telefono per accedere a internet. Grazie - proprietari di siti, SEO, sviluppatori web, designer e tutti coloro che lavorano sui siti web - per aver contribuito a rendere il web mobile un successo!

Una scommessa vinta considerando che nel 2023, l'uso di internet da dispositivi mobili ha superato quello da desktop in diverse parti del mondo.

L'importanza del traffico Web Mobile nel 2023

In Europa, ad esempio, la quota di mercato dei dispositivi mobile è stata del 51,89% ad agosto 2023, seguita da quella dei dispositivi desktop al 45,64%, mentre i tablet hanno coperto la percentuale rimanente, dimostrando una crescente preferenza per i dispositivi mobili nella regione​​. A livello globale, il 55% delle visite online proviene da dispositivi mobili, mentre il 43% proviene da desktop e il 2% da tablet.

Con il mobile ora che supera il desktop, la scansione delle versioni mobile fornisce l'esperienza più accurata di ciò che gli utenti vedono quando cercano sui telefoni. Negli anni i siti web si sono gradualmente adattati rendendo le pagine mobile altrettanto complete di quelle desktop.

La gestione dei siti Non-Ottimizzati e le future strategie di Google

Google gestirà comunque i siti che sono rimasti ad una versione esclusivamente desktop: l'azienda ha dichiarato che un piccolo numero di siti non funziona ancora correttamente su mobile.

Per questi domini, Google continuerà per ora a esplorare le versioni desktop. D'altra parte, per il resto del web, l'azienda ridurrà ulteriormente la scansione e indicizzazione delle pagine desktop per conservare risorse di crawling. Un fattore assolutamente rilevante ai fini delle ottimizzazioni SEO che ogni impresa dovrà adottare d'ora in poi sulle proprie pagine.

Cambiamenti nella Search Console

Correlato a questo evento, Google sta rimuovendo i dati del crawler di indicizzazione dalla Search Console, il suo strumento per webmaster. Con il completamento di questa transizione, questi dati non sono più necessari poiché tutti i siti vengono esplorati tramite mobile.

Insomma, la transizione pluriennale all'indicizzazione mobile-first riflette l'importanza crescente dei dispositivi mobili nell'uso di internet a livello mondiale. 

Con il completamento del rollout, Google ha pienamente abbracciato il mobile come modo principale con cui gli utenti accedono al web.

 

Se sei interessato alla SEO ti potrebbe interessare la ricerca internazionale State of SEO 2024 

Promos Italia S.c.r.l.

Agenzia italiana per l'internazionalizzazione
Sede legale: Via Meravigli, 9/b - 20123 Milano (MI)
PEC: promositaliascrl@legalmail.it
Codice Fiscale, Partita IVA: 10322390963